Lo scudetto un affare Juve Napoli

Undicesima vittoria consecutiva dei bianconeri che restano attaccati al Napoli

Questa volta la Juventus ha faticato un po’ di più per mettere in cascina i tre punti, ma alla fine, grazie al lampo del solito Dybala, i bianconeri riescono a piegare una Roma che si era discretamente difesa senza però mai pungere a sufficienza, tanto che la vittoria dei padroni di casa non ha nulla da recriminare.

Ha vinto dunque la squadra più in forma, più in palla, più determinata, la vera antagonista del Napoli nella corsa scudetto. I bianconeri hanno raggiunto il massimo risultato con il minimo sforzo, nonostante il nuovo 3-4-1-2 con cui Spalletti a disposto una Roma che ha rischiato pochissimo.

Dopo 75', però, i giallorossi crollano e la Juventus si porta a un passo dal primato di dodici vittorie di fila centrato due anni fa.
Nonostante un momento psicofisico eccezionale, gli uomini di Allegri sono rimasti umili contro i giallorossi, tenendo i ritmi bassi per attendere il momento più opportuno per portarsi in vantaggio.

Una delle mosse più efficaci per dare una svolta alla partita è stato l’ingresso di Cuadrado al posto di Lichtsteiner nella ripresa, capace di dare la giusta scossa ai compagni.

Grazie a Pogba, che ha indovinato il corridoio giusto per Dybala, i bianconeri sono riusciti a siglare il gol vittoria nell’ultimo quarto d’ora di gara.

La Roma dunque perde, l’Inter non va oltre il pareggio e solo il Napoli tiene il passo mantenendo la vetta della classifica, mostrando di avere un buon gioco e ad essere quindi l’unica vera antagonista dei bianconeri per questo Campionato.

Per la Juve è comunque un periodo duro, infatti già mercoledi sera allo Juventus Stadium i campioni d’Italia dovranno disputare l’andata della semifinale di Coppa Italia contro l’Inter di Mancini che non sta vivendo un grande periodo in Campionato, anche se proprio in Coppa ha buttato fuori con un sonante due a zero i partenopei al San Paolo.

P.S. L’altra semifinale di Coppa Italia vedrà sfidarsi il Milan e l’Alessandria. Una squadra di Lega Pro giunge in semifinale di Coppa e questo ha dello straordinario. Per un calcio come quello Piemontese che, a differenza di altre regioni Emilia Romagna in testa, non vede mai in serie A e spesso in B nessuna squadra fuorché Juve e Toro, dopo l’approdo in massima serie di qualche anno fa del Novara, ecco che è la volta dell’Alessandria, a dimostrazione che anche le Società piemontesi stanno vivendo un buon periodo e dunque Forza Grigi!

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 26/01/2016