Con l'identitÓ digitale e la moneta elettronica ci stanno incastrando

Parola dell'avvocato Alex Antic, senatore del Partito Liberale d'Australia.

Dall’Australia ci viene segnalato un intervento del Senatore Alex Antic, “Liberal Party”, che ha davvero dell’incredibile.

Se ciò che questo politico dice fosse vero – anche solo in parte – sarebbe una catastrofe sul piano della libertà, dei diritti e dell’indipendenza degli esseri umani.

Ciò che vi stiamo per narrare sta avvenendo in Australia ma, per citare Antic, molte altre Nazioni stanno facendo passi da gigante in questa direzione.

Forse si è ancora in tempo per fermare questa degenerazione pericolosa e lesiva della libertà che ogni individuo deve poter esercitare.

Ma cosa c’è di così allarmante? Che cosa ci deve far riflettere ed intervenire in modo solerte e tempestivo?

Facciamocelo raccontare dal senatore Antic: “Le città australiane stanno diventando delle stazioni per la sorveglianza digitale con il cosiddetto “Programma Città Intelligente” in fase di lancio in tutto il Paese.

Tecnologie invasive come il riconoscimento facciale, lettori di targhe, luci e pali intelligentimacchine intelligenti, quartieri intelligenti, case intelligenti, elettrodomestici intelligenti… tutto connesso alla rete wireless e reciprocamente.

Dunque, cos’è sbagliato in tutto questo? La tecnologia è un bene, giusto? Tutto questo è per la tua sicurezza, protezione e convenienza, giusto?

Beh, lasciate che vi dica: le strade vi stanno spiando, il vostro cellulare vi sta spiando, le città vi stanno spiando… e l’infrastruttura per i prossimi lockdown è in realizzazione, proprio adesso, non lasciatevi ingannare! Vi stanno incastrando per potervi tracciare attraverso i vostri movimenti e il vostro futuro portafoglio digitale.

Cedendo i vostri dati state cedendo la capacità di monitorare i vostri comportamenti che presto verrà trasformata in un sistema di crediti sociali. E, badate bene, una volta che la moneta digitale della Banca Centrale sarà istituita, non potrete più spendere i vostri soldi senza autorizzazione.

L’identità digitale diventerà presto una realtà in Australia. Molti altri Paesi stanno implementando questi sistemi; Paesi come Canada, Scozia e molti altri.

Infine, non si potrà più avere accesso in alcun servizio pubblico e non si sarà più in grado di viaggiare tra Paesi o accedere al Servizio Sanitario, o ad internet, senza un’identità digitale!

Pensate di non obbedire? Penso che lo farete!

Gli ultimi due anni sono stati solo dei test, e ci siamo totalmente cascati. Il Popolo Australiano è sonnambulo ed è diretto verso questo futuro tecnocratico. Mentre siamo qui seduti a grattarci il mento, cercando di capire se tutto questo sta davvero avvenendo, l’Australia sta andando alla deriva, verso un distopico futuro digitale”.

Cose vere? Fantasie di un politico complottista? Storie tratte da un libro di fantascienza?

Dovere del cronista è narrare i fatti e dar voce a tutti. Diritto del lettore è far sue le informazioni ricevute e soppesarle come più ritiene opportuno.

Sicuramente, vista l’attualità dell’argomento, torneremo a parlarne e vedremo se ci saranno novità e sviluppi in tal senso.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 23/12/2022