Calenda (Azione) perde pezzi anche in Piemonte.

Comunicato stampa di Dario Troiano - giÓ Responsabile Enti Locali Azione Torino Provincia

Trascorsa una settimana dalle mie dimissioni da Responsabile Enti Locali di Azione Torino Provincia, come comunicato al Segretario Regionale Gianluca Susta, a sua volta dimessosi, come è ben chiaro a chi mi conosce, non essendo venute meno le ragioni politiche, culturali e sociali di contribuire a costruire un soggetto liberale e democratico, sono stimolato a fare alcune brevi riflessioni.


Analogamente alla mia posizione, alcune decine di iscritti hanno assunto la decisione di non rinnovare la tessera di Azione: la critica prevalente è che si tratti di una forza verticistica, senza chiarezza sulle sue prospettive di alleanza, dominata a livello locale da logiche di gruppo e fazione piuttosto che dal confronto libero e aperto.


Insomma, il combinato disposto di una mancanza di visione politica nazionale complessiva, di un partito ormai da un anno commissariato in Città di Torino, di insignificante  incidenza nelle dinamiche politiche locali, di incarichi affidati senza passare da un confronto democratico con la base (compreso il mio incarico di partito), di continui abbandoni e inviti all’abbandono, a cui non è mai seguito un trasparente dibattito, di dirigenti collezionisti di incarichi, a volte forse addirittura in numero superiore ai voti che potrebbero raccogliere sul territorio, ho deciso insieme ad altri amici di percorrere, sempre nell' ambito dell' alternativa politica allo status attuale, la strada forse meno visibile, ma più concreta, fattiva e coerente dell' associazionismo.


Resta comunque l’amarezza di aver vissuto un'altra fase deludente della costruzione politica post ideologica e della sensazione che quel progetto, con questa conduzione, senza urgenti correzioni di rotta, sia destinato al fallimento. 

 

Ad oggi l’unico tentativo serio di “terzo polo” a Torino porta la firma, nel 2011, di Alberto Musy. Ci manca ancora.

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 22/05/2023