La Grande Musica corre sul Web
Lucia Cortese

SoloClassica Channel lancia la serie I martedý musicali, una serie di concerti in streaming provenienti dai principali festival piemontesi.

Come si ricorderà, la seconda chiusura delle attività concertistiche decretata dal Governo gli ultimi giorni dello scorso ottobre ha costretto molte associazioni musicali a fare ricorso allo streaming, uno strumento che non può sostituire un’esibizione dal vivo, ma che – in tempi difficili come quelli che stiamo vivendo – può costituire una validissima alternativa per riempire di buona musica le nostre lunghe serate casalinghe.

 

Il 2 febbraio il canale YouTube SoloClassica Channel ripartirà con la sua programmazione, forte della più che positiva esperienza di Intrecci Barocchi, che lo scorso dicembre ha consentito di raggiungere con dieci concerti oltre 20.000 visualizzazioni su YouTube e addirittura più di 85.000 su Facebook, numeri che dimostrano meglio di qualsiasi parola il successo di pubblico ottenuto da questa rassegna, organizzata dall’Accademia Corale “Stefano Tempia”, dall’Academia Montis Regalis, dai Musici di Santa Pelagia e dal Coro Maghini.

 

Con I martedì musicali, SoloClassica Channel proporrà ogni martedì alle 18.30 un concerto di una delle principali stagioni piemontesi, con l’obiettivo di allargarsi fin da subito anche alle altre regioni, in modo da fornire una vasta e selezionata panoramica dell’attività musicale del nostro paese, che in non pochi casi comprende opere di rarissimo ascolto – se non in prima mondiale – eseguite da solisti, ensemble e orchestre di altissimo livello. Fino a pochi mesi fa, alla maggior parte di questi concerti poteva assistere solo un pubblico piuttosto limitato, che quasi sempre non superava le 200 persone, mentre oggi la diffusione via web porta la grande musica nelle case di tutti, moltiplicando di 10, 20, 30 o più volte la platea di appassionati.

 

Inoltre, la scelta di SoloClassica Channel di trasmettere i suoi concerti a titolo completamente gratuito consente a tutti di avvicinarsi anche a repertori poco noti, un fatto che non sarebbe così automatico nel caso fosse previsto il pagamento di un biglietto, per quanto modesto. Insomma, l’idea è quella di creare un’occasione di incontro tra i numerosi festival che in ogni stagione dell’anno vivacizzano il nostro tessuto culturale e i musicofili che – per ragioni di tempo o di distanza – non avrebbero mai potuto prendere parte a determinati concerti. In questo modo, per esempio, un amante del Barocco di Palermo potrà assistere a un concerto in programma a Torino senza muoversi da casa propria e senza costi. Meglio di così…

 

Martedì 2 febbraio alle 18.30 (e in seguito in qualsiasi momento on demand) I martedì musicali di SoloClassica Channel esordiranno con uno dei concerti di maggiore successo dell’ultima edizione di Antiqua, rassegna organizzata dall’Accademia del Ricercare di San Raffaele Cimena, tenuto lo scorso 2 ottobre nella magnifica cornice del Duomo di Chieri.

 

Il programma comprende il celebre Magnificat in sol minore RV. 610 di Antonio Vivaldi, un’opera dalla genesi insolitamente complessa per un compositore dalla penna rapidissima come il Prete Rosso, che vede grandi protagonisti sotto la attenta direzione di Pietro Busca i soprani Lucia Cortese e Teresa Nesci, il contralto Elena Biscuola, il basso Dario Previato e la Corale Universitaria di Torino guidata dal suo maestro Paolo Zaltron, e il Concerto per due oboi, archi e basso continuo RV 535, nel quale si mettono in evidenza Arianna Zambon e Manuel Staropoli, accompagnati dall’ensemble di strumenti originali dell’Accademia del Ricercare.

 

Il martedì successivo, sempre alle 18.30, gli amanti delle rarità barocche potranno scoprire Il martirio di Santa Caterina di Antonio Caldara, un oratorio riscoperto, trascritto e diretto da Paolo Faldi, che per l’occasione ha potuto contare sulla Camerata Accademica di Padova e su uno sceltissimo cast di cantanti, che comprende i soprani Carlotta Colombo e Lucia Cortese, il contralto Giovanna Dissera Bragadin, il tenore Alberto Allegrezza e il baritono Mauro Borgioni, tutti grandi specialisti del repertorio vocale fiorito in Italia tra il XVII e il XVIII secolo.

 

Questo concerto si è tenuto nella Chiesa di Santa Caterina di Padova ed è stato realizzato in coproduzione con il Roma Festival Barocco e la Accademia Corale “Stefano Tempia”, che con questo concerto riprende la propria stagione, in attesa di poter incontrare di nuovo il suo pubblico dal vivo.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 31/01/2021