Corporeamente
foto © aut./PHOS

Soma e psiche nelle immagini di Claudio Capanna, Carolina López, Federico Masini e Tea Zanetti, in esposizione al Centro Phos di Torino

Quattro fotografi e altrettante Weltanschauung riguardanti il tema del corpo, "mostrato senza ipocrisie o compromessi", acutamente interpretato e indagato "in relazione con l'ambiente, l'ecosistema e lo spazio urbano e domestico": così spiega la prefazione critica della rassegna collettiva che si tiene sino al prossimo 30 maggio nelle ampie candide sale "in libertydel Centro Phos di Torino, aprendo la mente (col gioco-di-parole del titolo) ad una sincera e veritiera riflessione intorno ad uno scottante argomento e problema inderogabile, specialmente nel nostro contemporaneo futuristico mondo ipertecnologico, nel quale i dati personali sensibili – soprattutto quei peculiari "caratteri" o "tratti" distintivi, appunto – vengono costantemente scansionati ed espropriati all'individuo, col pretesto della sicurezza, della salute o del semplice svago, per tradirli tradurli in merce virtuale da rivendere e riutilizzare, clonare, metamorfizzare e mistificare ad libitum, o, peggio, in strumenti di "riconoscibilità", ossia controllo occulto e latente oppressione da parte degli organismi neotirannici – in Oriente e in Occidente – della transnazionale Società della Sorveglianza (Surveiller et punir, 1975), evocata da Foucault.

 

Claudio Capanna – scrive Steve Bisson – innalza "un inno a Madre Natura, alla fecondità, al femminino, alle forze in perenne ricerca di equilibrio", con "la Terra principio e termine di ogni forma di vita", che giusto nella figura muliebre "trova la sua rappresentazione umana, sintesi di energia creativa, di destino...", celebrata in "un canto che racchiude questa storia attraverso icone dal carattere sacro".

 

L'originale lavoro di Carolina López Bohórquez esplora invece i rapporti di potere, le dinamiche e i movimenti, i gesti e gli atteggiamenti che si generano e sviluppano "col favore delle tenebre", tra ombre e luci artificiali, esibendo il lato oscuro della metropoli, da Milano a Parigi, da Londra a Las Vegas: con le lenti dell'obiettivo "indiscreto" l'autrice italo-colombiana ha catturato scorci d'esistenza delle "creature della notte", donne che esperiscono la strada e la città in maniera differente rispetto alle vigenti norme e consuetudini morali, essendo soggette a maggiori limiti e censure in seguito ai cambiamenti derivati dalla globalizzazione.

 

La serie They return to their Earth di Federico Masini suggerisce poi che l'aspetto somatico "non è nulla più e nulla meno di una manifestazione e un'emergenza" del fenomeno fisico sul Pianeta e come tale appare: tramite accostamenti, abbinamenti, compenetrazioni, nell'ambito di un approccio volutamente neutrale, egli ne affronta dunque le inerenti sfere della sessualità, dell’erotismo, della trasgressione, del mistero...

 

In ultimo ma non da ultimo, mediante le doppie esposizioni di Tea Zanetti, le membra stesse, strutture in-carne-ed-ossa, si osservano e s'interrogano sul loro ruolo, essendo paragonate, per analogie estetiche e funzionali, ad architetture e paesaggi, in suggestive immagini che lei scatta e colleziona lungo il solito percorso quotidiano. Elementi edificanti.

 

(c.s./e.s.l.)

 

 

 

"Il corpo non mente"

Claudio Capanna, Carolina López, Federico Masini, Tea Zanetti

Mostra fotografica collettiva

 

Dal 19 aprile al 30 maggio 2022

 

 

foto © aut./PHOS© PHOS  © PHOS

PHOS

Centro Fotografia Torino

Centro Polifunzionale per la Fotografia

e le Arti Visive

diretto da Enzo Obiso

Via Vico, 1 – Torino

 

Orario: dal martedì al venerdì

dalle 15,00 alle 19,30

 

Info: 011-7604867 

phos@phosfotografia.com

www.phosfotografia.com

www.phosfotografia.com/sede

www.phosfotografia.com/il-corpo-non-mente

 

 

Le immagini a corredo dell'articolo:

sotto il titolo e in calce al testo, da sinistra a destra

le fotografie realizzate da Claudio Capanna, Carolina López, Federico Masini e Tea Zanetti

sul tema "Il corpo non mente" , mostra collettiva presso il Centro Phos di Torino

© aut./PHOS

 

sopra, a destra, scorcio dell'atrio della sede del Centro Phos

in via Vico a Torino

 

© aut. / PHOS - Centro Fotografia Torino - Centro Polifunzionale per la Fotografia e le Arti Visive

 

 

 

link al precedente articolo Benessere o non essere

relativo alla mostra-evento Bene, Bis
presso il Centro PHOS di Torino : 
 

link al precedente articolo Rimembriamo tuttora?

relativo alla mostra Mauro Giacomelli e Giacomo Leopardi, Poetare per immagini
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo In sottovuoto spaziotemporale
relativo alla mostra personale di Fabio Oggero
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Sulle montagne disincanate
relativo alla mostra personale di Giada Maccioni
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Ordire parole di pietra intessute con fili di luce
relativo alla mostra collettiva Orditure
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Riflessioni in un'ottica d'argento
relativo alla mostra antologica personale di Mario Cresci
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Un'invisibile evidenza
relativo alla mostra retrospettiva su Luigi Ghirri
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
 
 
 
© 2022 CIVICO20NEWS - riproduzione riservata

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 09/05/2022